fbpx

La scuola del futuro a Milano e Monza

Essence Academy

Venerdì 23 Ottobre 2020

Nuove professioni digitali: Quali saranno i lavori del futuro?


Professioni Digitali: Il lavoro del futuro lo scegli a partire da oggi

Con lo sviluppo delle nuove tecnologie sempre più rapido, anche il mercato del lavoro è in costante evoluzione. Vecchie posizioni lavorative hanno lasciato spazio alle nuove professioni digitali. È diventato sempre più importante differenziarsi e trovare nuove idee per trovare il proprio posto all’interno del mondo del lavoro.

Già al termine della scuola media o delle scuole superiori è importante che i genitori aiutino i propri figli ad imboccare la strada più giusta per il proprio futuro. Altresì rilevante è capire quali siano i propri interessi e le proprie qualità per scegliere una carriera che ci permetta di ottenere successo e soddisfazione personale. Esistono già dei corsi di studi o delle scuole superiori alternative che permettono di valorizzare le proprie capacità e sviluppare le abilità in vista di un’adeguata crescita professionale e personale.

Ovviamente, non tutti i lavori saranno al sicuro quando i processi guidati dalla tecnologia e dall’intelligenza artificiale prenderanno piede. Dato che molte posizioni saranno automatizzate, i lavoratori del futuro dovranno adattarsi alle nuove professioni digitali e continuare ad inventarsi e riqualificarsi per rimanere rilevanti nel nuovo e dinamico mercato del lavoro.

Intelligenza artificiale e Tecnologie Digitali

Quali saranno dunque i lavori del prossimo futuro? È difficile dirlo senza possedere una sfera di cristallo, ad ogni modo, si sta cercando di fare delle ipotesi riguardo agli effetti dell’intelligenza artificiale sul lavoro informatico e digitale nei prossimi 15-20 anni.

L’intelligenza artificiale sta continuando ad insinuarsi in qualsiasi ambito aziendale e molti dipendenti delle aziende stanno iniziando a diventare molto diffidenti nei confronti dei robot e delle tecnologie avanzate, alcuni di loro stanno già cercando di analizzare la situazione per capire che cosa significherà tutto questo per il proprio posto all’interno del mondo del lavoro.

Contrariamente all’opinione popolare, anche se distopica, secondo cui le macchine alla fine ci sostituiranno tutti, alcuni studiosi degli ultimi anni sono giunti alla conclusione che i nostri colleghi dotati di intelligenza artificiale non per forza devono essere visti come una minaccia, ma addirittura ci renderanno più intelligenti, più efficienti e porteranno all’apertura di nuove professioni digitali e nuovi ruoli all’interno del mercato informatico e non solo.

Si crede anche che i dipendenti a tempo pieno saranno rari nei prossimi 15 anni e che la maggior parte dei lavoratori specializzati, di alto valore per l’azienda, lavorerà con contratti freelance o collaborazioni su richiesta. Potrebbe svilupparsi dunque una nuova figura, quella del “lavoratore responsabile temporaneo”. Nel prossimo futuro le aziende di servizi finanziari, sanità e scienze della vita, telecomunicazioni, media e tecnologia, servizi professionali, produzione e vendita al dettaglio probabilmente abbracceranno l’intelligenza artificiale, l’apprendimento automatico e l’automazione. Come conseguenza a queste previsioni, si crede infatti che l’intelligenza artificiale accelererà notevolmente i processi decisionali, rendendoli più produttivi. Tutte le attività ripetitive e di scarso valore verranno automatizzate dalla tecnologia lasciando la possibilità ai dipendenti di concentrarsi su incarichi più significativi.

Quali saranno le nuove professioni digitali?

Si crede che i nuovi lavori del futuro saranno progettati per supportare il nostro ambiente aziendale basato sulla tecnologia e il mutevole rapporto tra uomo e macchina. Ad esempio, secondo alcuni studi, uno dei prossimi ruoli all’interno delle aziende, sarà sicuramente quello dell'”istruttore” o “insegnante” di intelligenza artificiale, ovvero una figura che dovrà insegnare ai robot o alle macchine l’apprendimento di algoritmi che non conoscono e su cui non sono stati ancora addestrati.

Ecco quali sono le nuove professioni digitali più ricercate:

  • Digital Designer, per chi unisce la passione per il digitale al mondo del design, con molte possibili specializzazioni: graphic designer, video-maker, creatore di app o games;
  • Designer legno e arredo, un professionista capace di progettare arredi e oggetti di interior decoration in modo ecosostenibile, e/o di venderli online creando appositi siti di e-commerce;
  • Responsabile smart-work, specialista in grado di digitalizzare gli archivi documentali dell’azienda e organizzarne una consultazione cyber-sicura ma facile per gli aventi diritto, e di gestire i flussi di comunicazione a distanza fra le risorse umane
  • Responsabile heritage marketing, un professionista in grado di convertire digitalmente gli archivi storici di un’azienda, trasformandoli in un vero museo virtuale e inserendoli in un contesto di narrazione digitale di valorizzazione della tradizione e della storia dell’azienda.

Essence Academy non rappresenta solo un’eccellenza della Formazione Professionale in Italia, ma è una realtà educativa unica a livello globale: siamo infatti la sola Scuola professionale al mondo ad essere stata riconosciuta da Apple come Apple Distinguished School, per il carattere innovativo della nostra didattica digitale. Grazie ad essa, riusciamo ad organizzare dei percorsi diversi ma egualmente efficaci per varie fasce di pubblico: ai minorenni con diploma di 3° media, proponiamo i nostri corsi di Digital Design in obbligo scolastico; ai disoccupati diplomati di 18-29 anni proponiamo ben due percorsi diversi di Alta Formazione Specialistica: Design legno e arredo e Digitalizzazione archivi e beni culturali.

Il nostro blog

Tutti gli articoli