fbpx
Il tuo Messaggio è stato inviato con successoGrazie per il tuo tempo, verrai al più presto
ricontattato dal nostro staff.
Il tuo messaggio non è stato inviato. Ricontrolla la correttezza del tuo indirizzo e-mail e del colore del nostro logo.

blog

home  >  il nostro blog
This is Halloween
Scritto il 31 Ottobre, 2014 alle 16:06 da marina-pisciotta

Oggi, venerdì 31 ottobre anche noi vogliamo “festeggiare” l’arrivo della notte di Hallowen. Durante la settimana le studentesse del corso di estetica si sono divertite nello sperimentare trucchi di maschere a tema “scheletri e zombie” in linea con la simbologia della ricorrenza: walking dead, occulto, stregoneria, spiriti maligni e fantasmi. Questa ricorrenza tipicamente anglosassone, che negli Stati Uniti assume forme più macabre e raccapriccianti, negli ultimi anni si sta rapidamente diffondendo anche all’interno delle nostre scuole dove ai bambini vengono insegnate filastrocche e canzoncine per prepararsi a bussare alle porte di amici e vicini per l’ormai famoso “Dolcetto o scherzetto?”.

In realtà, anche in Italia esiste una tradizione che affonda le sue radici nel culto cristiano dei defunti. Una tradizione, fatta di racconti e leggende legate questa notte speciale durante la quale il mondo dei morti si ricongiunge a quello dei vivi.

A Taranto per esempio, le persone anziane raccontano che nella notte del 31 ottobre le anime dei morti escono dal cimitero e percorrono le vecchie strade del paesino di Massafra alla ricerca di bambini e altre persone da spaventare. Questi spiriti vaganti arriverebbero direttamente dal purgatorio e ogni notte dalla festa di Ognissanti fino all’Epifania, entrerebbero in chiesa per celebrare la loro messa. Se una persona in vita dovesse per sbaglio entrare in chiesa durante il rituale, le stesse anime lo prenderebbero portandolo via per sempre, come più volte raccontato dai nonni.

In Friuli è diffusa invece la credenza che i morti escano dalle loro tombe per muoversi in processione lungo le vie dei paesi per atterrire i più piccoli e che dal crepuscolo fino al all’alba, si potessero sentire certi animali come il corvo parlare.

A modo nostro, ci siamo preparati per questo weekend di paura e vi lasciamo questo mini album per ispirarvi nel travestimento di questa sera.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *